Operaia ustionata, assolta titolare di calzaturificio

È stata assolta perché il fatto non sussiste. A.R., imprenditrice calzaturiera elpidiense, era accusata di lesioni personali in seguito a un incidente sul lavoro avvenuto sei anni fa, quando un’operaia impiegata nel suo calzaturificio, usando un accendino e alcuni solventi per la bruciatura dei fili sporgenti dalle scarpe, rimase ustionata a un braccio. Da qui le indagini per accertare eventuali responsabilità ed in particolare se ci fossero gravi inadempienze in fatto di sicurezza sul luogo di lavoro. Il giudice del Tribunale di Sant’Elpidio a Mare, Marcello Caporale, ha deciso che si è trattato di una fatalità, anche a seguito delle testimonianze acquisite, in base alle quali è stato evidenziato come nel corso degli anni l’uso di sostanze infiammabili e fiamme libere fosse stato oggetto di diversi corsi di formazione. Inoltre, i reagenti chimici erano sempre conservati a distanza di sicurezza dalle calzature. Lo stesso pubblico ministero Maria Carla Sacco aveva chiesto l’assoluzione dell’imputata. (m.v.)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati