Operazione nelle Marche, lavoro irregolare nei tomaifici cinesi


Proseguono i controlli sui laboratori cinesi nel distretto calzaturiero marchigiano e in particolare nel Fermano. Nella notte tra mercoledì e giovedì, i carabinieri di Montegiorgio, in collaborazione con i militari del nucleo ispettorato del lavoro di Ascoli Piceno, hanno contestato sanzioni amministrative per un importo totale di 50 mila euro nei confronti di due cittadini cinesi, titolari di altrettanti tomaifici situati a Montottone e Monte San Pietrangeli.
Nel corso dei controlli, i militari hanno accertato violazioni inerenti l’impiego di operai senza comunicazione di assunzione antecedente all’occupazione stessa; luoghi di lavoro non conformi ai requisiti; la mancata consegna della documentazione all’atto dell’assunzione degli operai e, infine, occupazione di personale irregolare superiore 20 per cento del totale dei lavoratori. (m.v.)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati