Ecco perché Caleres è il più grande cliente USA di scarpe etiopi: “Costa poco e le pelli sono accessibili”

Caleres è divenuto il maggior gruppo nell’importazione di scarpe etiopi negli USA. L’annuncio è stato dato da Charles Gillman, presidente del sourcing aziendale, al Global Footwear Sustainability Summit di Shanghai: “La produttività è pari ad un terzo di quella cinese – ha spiegato Gillman parlando della velocità di manifattura del Paese africano – ma il costo del lavoro è tutta un’altra storia”. Il gruppo, che si approvvigiona da una fabbrica cinese, ha iniziato con calzatura casual, per passare ad una modellistica più ampia, ma “al momento escludiamo il prodotto di estrema moda”. Il funzionario ha anche spiegato che un significativo vantaggio è dato dall’accessibilità e dai prezzi di caprino e bovino etiopi: “Si tratta di un fattore importante perché al pari di tutti spingiamo per ridurre sempre maggiormente i tempi di produzione”. Caleres acquista in Etiopia 2 milioni di paia annue, che comunque rappresentano solo il 5% del totale, visto che il gruppo è la casa madre di Sam Edelman, Dr. Scholl’s e Franco Sarto, ma anche del brand high-end (made in USA) Allen Edmonds, oltre che della catena Famous Footwear. (pt)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati