Rafael Calvo lascia dopo 20 anni la presidenza dei calzaturieri spagnoli, pronto Sanchìs


Dopo vent’anni di presidenza esecutiva, Rafael Calvo (nella foto) lascerà a fine mandato (gennaio 2013) la guida del Fice, la federazione delle industrie della calzatura spagnola. La decisione è stata comunicata dallo stesso Calvo durante il consiglio dell’associazione.
Il consiglio del Fice ha indicato come suo potenziale successore, da confermare tramite votazione in assemblea, l’attuale vice presidente José Sanchís. L’assemblea sarà convocata alla fine di gennaio o più probabilmente nella prima metà di febbraio. Sanchìs ha offerto la propria disponibilità a subentrare nell’incarico che fu di Rafael Calvo, ponendo come condizione la divisione dei ruoli di direttore esecutivo, da affidare ad altro candidato, e di presidente, che Sanchìs terrebbe per sé, così da poter dedicare più tempo alla gestione della propria azienda.
Calvo ha comunicato che la decisione, presa da tempo per ragioni anagrafiche (68 anni, di cui 47 spesi al lavoro), era stata rinviata nell’attesa del momento opportuno per il cambio della guardia, con la calzatura spagnola nel pieno di una crisi strutturale e impegnata nella ricerca di una via d’uscita attraverso l’export.
Fondata nel 1977, Fice raggruppa circa 600 aziende, che rappresentano il 90% della produzione, distribuzione ed esportazione totale della scarpa spagnola. La provincia di Alicante e in particolare la città di Elche dominano la composizione del consiglio, in rappresentanza del 65% del settore.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati