Russia e Consumexpo: segnali preoccupanti per la calzatura

Non sono incoraggianti i primi segnali 2014 che arrivano dal mercato russo. A preoccupare gli imprenditori calzaturieri è soprattutto la situazione finanziaria e dalla fiera Consumexpo, svolta nei giorni scorsi a Mosca, sono giunte alcune conferme che demoralizzano soprattutto i produttori marchigiani visto che la Russia è di gran lunga il primo mercato di sbocco per le loro calzature. “Oltre alla crisi mondiale che ha le sue ripercussioni anche sul mercato russo, ad influenzare i consumi, come al solito, è stato il clima – dice Marino Fabiani di Fermo, uno degli imprenditori marchigiani più conosciuti in Russia – Dopo qualche settimana di freddo a fine autunno, la stagione invernale è stata mite fino a metà gennaio. Poi però sono arrivati neve e gelo in concomitanza con i saldi. Quindi i negozianti hanno smaltito un po’ di scorte ma non hanno guadagnato. Un altro fattore negativo è stato il cambio del rublo che si è svalutato sull’euro. Così ci arrivano richieste di sconti e dilazioni nei pagamenti, con i buyer che hanno difficoltà per gli acconti relativi alle forniture per la stagione estiva”. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati