Sant’Elpidio a Mare, brucia il calzaturificio Alex

Un incendio sviluppatosi da un silos esterno all’azienda ha danneggiato il calzaturificio Alex di Sant’Elpidio a Mare. L’incendio avrebbe potuto determinare conseguenze disastrose, se le scintille fossero partite poco più tardi.

Infatti, ad accorgersi del fumo e a dare l’allarme, sono stati i dipendenti che stavano uscendo dalla fabbrica alla fine della giornata di lavoro e hanno permesso l’intervento dei Vigili del Fuoco di Fermo che, con due ore di lavoro, hanno messo in sicurezza l’area. Se l’incendio fosse divampato soltanto mezzora più tardi, avrebbe potuto avvolgere il calzaturificio ed estendersi anche nei dintorni visto che sono presenti diverse abitazioni nelle immediate vicinanze. Gli operai hanno notato un intenso fumo che circondava il capannone. Il titolare del calzaturificio Alex, Luigi Lattanzi, e alcuni dipendenti hanno subito chiamato i soccorsi e nel frattempo lo stabile è stato evacuato e si è cercato di domare il rogo gettando acqua. Le fiamme sono divampate da un silos immediatamente esterno al fabbricato, ma la loro origine è ancora tutta da decifrare. Si è temuto anche che qualche scintilla potesse raggiungere i bancali e gli imballaggi presenti all’esterno dell’opificio poiché, in tal caso, l’incendio avrebbe sicuramente potuto produrre problemi ben più seri.

All’interno dell’azienda non si registrano comunque danni particolari: il magazzino è stato avvolto dalla fuliggine, ma i danni sarebbero limitati mentre resta da verificare la sicurezza dell’edificio, in particolare la parete interessata dalle fiamme e la situazione di alcune condutture. (m.v.)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati