Sergio Rossi era “Il Maestro”: il ricordo di Siro Badon

Sergio Rossi era “Il Maestro”: il ricordo di Siro Badon

“Sergio Rossi è stato più che un maestro. È stato Il Maestro”. Così inizia il ricordo di Siro Badon, presidente Assocalzaturifici e titolare del calzaturificio veneto De Robert. “Con la sua scomparsa, la calzatura italiana ha perso una pietra miliare della propria storia. Un pioniere che ha occupato uno spazio straordinariamente importante nel Novecento italiano dello stile e della moda”.

Un punto di riferimento

“Questo maledetto virus – continua Badon in un comunicato diffuso da Assocalzaturifici – , dopo aver colpito duramente il nostro settore calzaturiero mettendo a rischio la sopravvivenza delle migliaia di eccellenze che lo compongono, ci ha portato via un punto di riferimento. Non solo per il distretto di San Mauro Pascoli, dove ha vissuto e operato Sergio Rossi, ma per tutta la comunità della scarpa”.

Intuizioni straordinarie

“Il Maestro – spiega Badon – ha avuto intuizioni straordinarie, costruite attorno alla capacità di realizzare prodotti mai visti prima. Le sue scarpe non erano soltanto belle. Erano anche comode, calzabili, tecnicamente perfette. Ha dato alle donne la possibilità di unire l’eleganza con la funzionalità. E, inoltre, ponendo al centro il prodotto, ha imposto il proprio nome nella scena internazionale, trasformandolo in grande marchio, uno dei primi a essere presente con i propri negozi nelle grandi città italiane, europee e degli Stati Uniti. Basta il nome, appunto: Sergio Rossi”.

Evoluzione societaria

Badon ricorda anche il percorso di evoluzione societaria affrontato da Sergio Rossi. “Il Maestro è stato tra i primi a comprendere che il mondo era cambiato e, quindi, già nel 1999, aveva accettato l’offerta di Gucci, all’epoca in cui era guidata dal grande Domenico De Sole, cedendo la proprietà dell’azienda, che oggi è in pieno rilancio con il nuovo socio Investindustrial”.

Mai lontano dalle scarpe

Un passaggio, quello della vendita, che, come ricorda il presidente Assocalzaturifici, non lo ha “mai allontanato dalle scarpe. Ha messo la sua esperienza e il suo prestigio a servizio della famiglia”. Per esempio, ispirando “l’opera eccezionale concretizzata dal figlio Gianvito, che ne ha raccolto il testimone imponendo con incredibile rapidità il suo nome nel mondo del lusso. E poi, come ha ricordato proprio Gianvito, ha voluto donare le conoscenze apprese in una vita alle generazioni future, trasmettendole tramite il Cercal, scuola fondata con i suoi compagni d’avventura di San Mauro Pascoli. Per tutta la comunità sammaurese, Il Maestro ha continuato a essere un punto di riferimento e una presenza costante”.

Uomini che non muoiono mai

“Ci sono uomini che – conclude Badon -, pur essendo scomparsi, in realtà non muoiono mai e continuano a rappresentare un esempio. Il mio auspicio è che l’esempio di Sergio Rossi possa ispirare l’affermazione di tanti nuovi Maestri della scarpa made in Italy. Perché sono certo che la storia del Novecento, il secolo della nostra affermazione internazionale come settore delle calzature, non si è affatto esaurita. E che, nel ricordo di Sergio Rossi e della sua talentuosa generazione, saremo in grado di emozionare le donne del mondo per tanti altri secoli, semplicemente creando le scarpe che hanno sempre sognato di indossare”.

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati