Storia e dismissione di Vivarte: cosa resta (anche da vendere) del colosso del retail francese?

0

Anno 2014: nel bilanco del colosso del retail francese Vivarte, il debito complessivo ammonta a 2,8 miliardi di euro, oltre 6 volte il profitto. Si accende la spia rossa. Iniziano lo snellimento del gruppo da 17.000 dipendenti (1.850 verranno pian piano licenziati) e la rinegoziazione del debito. La crisi permane. Febbraio 2017: la questione approda in tribunale. La vendita degli assett è l’unica strada individuata da Patrick Puy, ceo Vivarte, per portare liquidità, sopravvivere nonostante il gigantesco debito accumulato e tornare a generare utili. Uno dopo l’altro, vengono ceduti Pataguas, Kookaï, l’insegna calzaturiera spagnola Merkal e l’altra, storica, catena francese Andrè. Anno 2018: Vivarte cederà, alla fine di marzo, anche Naf Naf  (abbigliamento) ai cinesi di La Chapelle Fashion. E non finisce qui: la vendita di un’altra insegna, Besson, specializzata in calzatura, dovrebbe essere completata a settembre. Non è andata a buon fine invece la cessione di Chevignon (abbigliamento) che resta, almeno per ora, in carico a Vivarte insieme alle catene calzaturiere Minelli, San Marina, CosmoParis e LaHalle aux Chaussures e a quelle di abbigliamento LaHalle e Caroll. Sulla vendita di Andrè a Spartoo non mancano le ombre. La testata francese OBS ha scritto che per “agevolare” la compravendita, Vivarte ha consegnato un assegno di circa 8 milioni di euro al portale Spartoo che si è impegnato a rilevare i 700 dipendenti e tutti i 135 punti vendita di André (con l’eccezione di un negozio parigino). L’operazione dovrebbe essere finalizzata entro il prossimo mese di aprile. (mv)

Share.

Comments are closed.

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso