Teramo: droga nelle suole delle scarpe destinate a un detenuto

Calzature usate per recapitare droga a un camorrista recluso. È accaduto nel carcere di Castrogno, in provincia di Teramo, uno dei penitenziari più affollati d’Italia e il terzo del Paese per il numero di suicidi tra detenuti. Durante l’ispezione della corrispondenza destinata ai detenuti, gli agenti di polizia hanno aperto un pacco inviato a un camorrista, notando che nelle scarpe c’era qualcosa di strano: le suole avevano un insolito spessore, troppo alto. È bastato approfondire l’ispezione dei mocassini per scoprire che nascondevano circa 20 grammi di hashish (nella foto) che molto probabilmente il detenuto avrebbe spacciato anche ad altri reclusi. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati