theMicam: eppur si muove. Cinese beccato a copiare da Marino Fabiani

Pochi italiani, pochi russi e pochi cinesi, presenti, questi ultimi, in veste, purtroppo di “copiatori”. Ieri, secondo giorno di theMicam, un cinese è stato infatti letteralmente scaraventato fuori dallo stand di Marino Fabiani perché pescato con una minivideocamera in mano. Tornando alla fiera, leggera flessione per i visitatori italiani, di poco sopra il punto percentuale, e aumento di oltre il 7% per gli stranieri. Questi i dati dei primi due giorni del Micam, confrontati con l’edizione di un anno fa. Il settore è ridimensionato rispetto al passato, ma l’elettroencefalogramma non è piatto, come temuto da molti. Questa la sintesi degli espositori che stanno cercando di adeguarsi al mercato, in termini di prezzo, prodotto e mercati. C’è chi riesce a sorridere (a denti stretti) e chi invece arranca e permane in difficoltà. Ssembra avere ancora meno pensieri chi lavora, in maniera strutturale, con le griffe. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati