Toscana da export

La seconda regione calzaturiera italiana, con l’ingresso dell’euro, è stata costretta a ridurre la tradizionale dipendenza dagli Stati Uniti, che restano comunque il primo mercato di destinazione. Le strategie: più qualità e lavoro per le firme del lusso.

Tratto dal settimanale Mdp La Conceria, n.8/2013

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati