Vigevano: 12 mesi di reclusione al commercialista di Creazioni Vigevanesi (ex Pfister)

È terminato con la condanna a 12 mesi di reclusione (pena sospesa) a Gianluigi Rossi (commercialista comasco, amministratore e liquidatore della società “Creazioni Vigevanesi”), il processo per il fallimento del calzaturificio di Vigevano di proprietà degli stilisti Andrea Pfister (nella foto) e Jean Pierre Dupré. I reati contestati al commercialista erano bancarotta semplice ed esibizione di falsa delega. Ci sono voluti mesi e mesi di udienze, che hanno richiesto anche una rogatoria internazionale in quanto Pfister e Dupré, originari proprietari della “Creazioni Vigevanesi”, si sono trasferiti da tempo in Costa Azzurra. I due diedero vita al marchio “Pfister” nel 1968. La produzione “Pfister” è continuata sotto differenti ragioni sociali fino alla nascita di “Creazioni Vigevanesi srl”, parte lesa nel processo per bancarotta, frode fiscale e falso per un importo di varie centinaia di migliaia di euro. Secondo i legali di Rossi, che non potrà esercitare la professione per un anno,“Il tribunale ha riconosciuto che tutti i creditori sono stati pagati ed è avanzata una somma consistente da distribuire ai soci, quando il fallimento verrà chiuso. Faremo ricorso alla Corte di Appello perché non ci sono prove della responsabilità di Rossi neppure per i due reati rimasti. Questo processo non doveva neppure iniziare perché fu errato far fallire la società, visto che non era insolvente”. (pt)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati