Wolverine Worldwide: in un primo trimestre calante (ma non troppo) acquisisce Sport Lab (Montebelluna)

Fatturato e vendite in calo, ma migliori delle aspettative. Interlocutorio il primo trimestre di Wolverine Worldwide che, nel frattempo, ha deciso di investire in Italia. Iniziamo dai dati di bilancio. Le entrate sono state 523,4 milioni di dollari, in calo del 2% (-1% a valuta costante), mentre l’utile è sceso del 13% a 40,5 milioni di dollari. “Nel corso del trimestre, 4 dei nostri 5 principali marchi hanno generato utili superiori al piano strategico, tra cui Merrell e Saucony, e il nostro e-commerce ha generato un incremento del 28% rispetto all’anno precedente: anche gli utili per azione hanno superato le nostre aspettative” ha detto il ceo e presidente di Wolverine, Blake Krueger che ha spiegato come, invece, i problemi del brand Sperry siano dovuti al declino delle scarpa da barca nel mercato americano, in particolare a causa delle condizioni climatiche. Per l’intero anno, l’azienda ha confermato le aspettative di ricavi compresi tra 2,28 e 2,33 miliardi di dollari (+3%). Krueger ha spiegato: “Prevediamo che la crescita dei ricavi riprenderà nel secondo trimestre e accelererà durante la seconda metà dell’anno, anche grazie alle nostre iniziative. Abbiamo rafforzato il controllo diretto delle nostre attività europee acquisendo il distributore italiano di Saucony”. Wolverine, infatti, ha preso il controllo di Sport Lab, società di Montebelluna con un giro di affari di circa 60 milioni di euro “per rafforzare ulteriormente la presenza sul mercato e massimizzare le opportunità di crescita. Il polo italiano diventerà centro di design globale per il prodotto lifestyle del marchio”. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati