Yuan forte, a rischio l’export di Fuzhou

Il settore calzaturiero di Fuzhou (nella foto), città di 7 milioni di abitanti capoluogo della provincia sud-orientale del Fujian, ha fatto segnare una crescita delle esportazioni del +4,8% nei primi cinque mesi 2013. Un trend positivo che però, secondo un’indagine dell’Ufficio cittadino per l’Ispezione e la Quarantena, rischia di non durare molto a lungo a causa del continuo aumento di valore della moneta cinese, lo yuan, rispetto alle principali valute mondiali. Stando allo studio, il margine di profitto dell’export, considerato il cambio sfavorevole, rischia di diminuire di un terzo rispetto all’inizio dell’anno. Non solo: a minacciare la crescita del settore, la crisi delle vendite a livello internazionale e il costante aumento dei costi alla produzione. Le aziende calzaturiere costituiscono una parte importante dell’economia di Fuzhou: nel 2012, le esportazioni dirette verso oltre cento diversi paesi hanno sfiorato il miliardo e mezzo di dollari di controvalore.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati