Santa Croce, azienda chimica truffata da un hacker per 25.000 euro

Un furto senza scasso o danni ha coinvolto un’azienda di prodotti chimico conciari di Santa Croce sull’Arno. Un hacker ha intercettato la corrispondenza commerciale della ditta per una partita di prodotti inviati in Marocco, dirottando l’importo di una fattura da 25.000 euro su un conto in Inghilterra. È bastato infiltrarsi nello scambio di mail e modificare il codice IBAN sul quale doveva essere versato il denaro. La truffa è stata scoperta dopo i continui solleciti dell’azienda santacrocese che reclamava il pagamento dal Marocco, che in effetti era stato inviato regolarmente. La Polpost è intervenuta ricostruendo i fatti e sta indagando per risalire al ladro digitale. (mvg)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati