Allacci abusivi, niente autorizzazioni, sversamenti all’aria aperta: Carabinieri sequestrano a Cosenza conceria abusiva

L’allaccio alla rete elettrica del campo era abusiva, quello alla rete idrica pure, i reflui venivano sversati nei terreni prospicienti il capannone, mentre nei dintorni si erano allestite più discariche abusive. Con un blitz all’alba del 31 marzo in un campo rom di Cosenza, i Carabinieri del locale reparto operativo con i Cacciatori di Calabria e l’ausilio di tecnici dell’Enel e del Comune, hanno individuato una conceria abusiva priva di qualsiasi autorizzazione. Nell’opificio, impiantato secondo la stampa locale in un ex mattatoio, pelli ovicaprine erano trattate con sale e soda caustica per essere poi sottoposte a successive lavorazioni. Lo stabile è stato sottoposto a sequestro. Gli investigatori starebbero ancora valutando le violazioni penali commesse nel campo, dove sono state anche rinvenute carcasse di auto rubate.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati