Arzignano ha ridotto del 70% l’utilizzo di solventi


La notizia è positiva per l’impatto ambientale: in sedici anni il consumo dei solventi nelle concerie vicentine è diminuito del 70%. È il dato che emerge dal report annuale dell’Agenzia Giada, che raccoglie i 17 comuni della Valchiampo, presentato ieri mattina ad Arzignano.
Dal 1986 a oggi la qualità dell’aria del distretto è decisamente migliorata: da 18.449 tonnellate annue di solventi utilizzati per produrre le pelli si è scesi a sole 5.331 tonnellate, a fronte di una produzione che si è ridotta di poco, da 126 a 121 milioni di metri quadrati.
Il monitoraggio che l’Agenzia ha presentato ad Arzignano fa riferimento ai dati rilevati in 51 punti fissi sul territorio, da Crespadoro a Lonigo, e dal laboratorio mobile, distinguendo tra centri urbani, centri intermedi tra le aree industriali e quelle abitative, le aree bianche e le aree in prossimità delle industrie conciarie.
Anche la qualità dell’acqua è migliorata: del 2002 al 2011, infatti, si è verificata una diminuzione del 33% dei cloruri, del 30% dei solfati e del 57% del cromo. (Al.Gr)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati