Camera di Commercio Pisa: dati confusi e catastrofici, i conciatori contestano

Le associazioni conciarie di Santa Croce e Ponte a Egola contro i dati congiunturali (terzo trimestre 2014) elaborati dalla Camera di Commercio di Pisa. Secondo l’ente pisano il trimestre è stato molto negativo per il comparto “pelle e cuoio”. Quanto negativo? -19,6% per il pellame grezzo (?!) e -2,5% per il prodotto in cuoio (?!). Ma di cosa stanno parlando? Probabilmente intendevano con “pellame grezzo” il conciato e con “prodotto in cuoio” gli accessori di pelletteria. Ancora più disastroso il riscontro per la calzatura locale: -37,9%. Dati che hanno infuriare i conciatori. Michele Matteoli, presidente del Consorzio Conciatori di Ponte a Egola, e Franco Donati, presidente dell’Associazione Conciatori di Santa Croce sull’Arno, parlano di un calo trimestrale del 2%, flessione ritenuta “non allarmante” a fronte anche dei dati di afflusso nei depuratori della zona. A sostegno della loro contestazione anche i dati ufficiali Istat relativi al commercio estero: -2,5% l’export distrettuale del settore conciario nel terzo trimestre, +3,9% il dato cumulato sui primi nove mesi dell’anno. (aq)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati