CRV, la concia portoghese teme l’effetto domino: “Niente ordini”

CRV, la concia portoghese teme l'effetto domino: “Niente ordini”

Aperti e, quindi, operativi. In Portogallo l’epidemia di Coronavirus non ha imposto la chiusura delle attività industriali. Ma la concia portoghese teme l’effetto domino. Perché la paralisi della filiera internazionale non può non condizionare quella locale. Ne parliamo con Nuno Carvalho, presidente di APIC (l’associazione nazionale della concia) e amministratore delegato del gruppo Carvalhos: “Ad…

ACCEDI PER CONTINUARE A LEGGERE

Scopri l’abbonamento che fa per te tra le nostre proposte

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati