Donne di pelle: Rai 3 Toscana racconta la concia al femminile

Donne di pelle: Rai 3 Toscana racconta la concia al femminile

Rai 3 Toscana racconta la concia al femminile. Le telecamere del format Buongiorno Regione sono entrate nel Comprensorio del Cuoio, per realizzare un servizio andato in onda questa mattina. E si sono collegate in diretta da Castelfranco di Sotto, dove Emilia Rettura ha intervistato Michela Donati all’interno della conceria che dirige (Upimar) e Lara Solfanelli, responsabile della manutenzione di Aquarno, l’impianto di depurazione di Santa Croce sull’Arno.

La concia al femminile

“Abbiamo due aziende, in una ci sono io, nell’altra (Lufran, ndr) mia sorella Carla, naturalmente insieme a nostro padre – spiega Michela Donati -. Siamo tutte donne in famiglia. Le future generazioni saranno anche loro femmine. Già mia nonna e mia mamma lavoravano in conceria. L’azienda è sempre stata una cosa di famiglia, a cui ha partecipato sia la parte femminile che maschile”.

Donne dirigenti

Quello conciario è stato presentato come “un settore che negli ultimi 20 anni si è trasformato” e ha aumentato le sue “quote rosa”. La presenza femminile riguarda molti settori, dal commerciale all’amministrativo, alla ricerca dove “le donne stanno sempre più aumentando”, dice Donati. “Quando sono entrata io, 20 anni fa, la prevalenza maschile a livello dirigenziale, anche nei clienti, era molto forte. Ora, è cambiata molto la clientela, lavoriamo molto con aziende internazionali, firme italiane e francesi dove c’è una forte presenza femminile”.

Manutenzione al femminile

Lara Solfanelli non lavora, invece, in conceria. È la responsabile della manutenzione di Aquarno. “Sono entrata 13 anni fa all’interno dell’azienda a seguito del mio percorso di studi di Ingegneria Chimica – racconta a Buongiorno Regione -. Ho fatto la mia tesi di laurea all’interno dell’impianto. Questo mi ha permesso di scoprire questa realtà e poi inserirmi nel comparto”. Com’è rapportarsi con un mondo di uomini? “Inizialmente non è semplicissimo – racconta Solfanelli -, ma solo perché gli altri pensano che tu sia in difficoltà. Dopo un periodo di conoscenza e collaborazione, sono arrivata ad avere la squadra attuale, fatta di persone che si aiutano e collaborano per far funzionare al meglio l’impianto”.

Il servizio

Per vedere l’intero servizio di TG3 Buongiorno Regione è sufficiente cliccare qui e skippare al minuto 7,45.

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati