Più export per la conceria italiana. Domani a Milano assemblea nazionale Unic

Le vendite di conciato italiano nel primo trimestre 2014 sono trainate dall’export, +10% in valore, con punte del +23% in Spagna e addirittura del +95% in Vietnam. La Cina, prima destinazione dell’export di pelli conciate in Italia, cresce del 4%, la Germania del 12%, la Francia del 3% e la Romania (principale meta della delocalizzazione italiana) del 16%. Lo comunica Unic, che domani a Milano terrà la propria assemblea annuale, presentando i dati di settore per il 2013. Da gennaio a marzo ‘14, in termini di tipologie produttive, le pelli bovine continuano a registrare risultati più brillanti rispetto alle ovicaprine. La produzione nazionale del trimestre è risultata ancora in aumento (+5,4% rispetto al medesimo periodo dell’anno precedente), mentre i volumi hanno mostrato un lieve arretramento (-1,8%). La domanda appare oltremodo ostacolata dagli alti livelli di costo della materia prima, in parte compensato dalla frenata di maggio (-4%). Per le bovine wet blue, la crescita da inizio anno è dell’11%. (ag)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati