India, il partito di Governo prende 3 batoste elettorali e capisce che l’oltranzismo su carne e pelle non paga: via dal programma

Alla fine, la lunga stagione di rigore contro la filiera della carne e della pelle non ha portato i risultati sperati. E il BJP, partito induista che dal 2014 governa a Nuova Delhi con il premier Nerendra Modi, corre ai ripari minimizzando l’importanza della cow protection nel suo programma politico. È il quotidiano Financial Express a raccontare la parabola (discendente) degli oltranzisti del BJP. A far suonare l’allarme sono le scoppole elettorali raccolte negli stati del Rajasthan, Chhattisgarh e Madhya Pradesh: ora che si avvicinano le consultazioni per il rinnovo della Camera Bassa del Parlamento, BJP sostituisce nel programma la difesa della sacra vacca con un piano di aiuti per l’agricoltura. Sono diversi, d’altronde, i frutti avvelenati della cow protection su basi religiose. A livello nazionale, la legittimazione di un clima di intolleranza intorno agli operatori della zootecnia e la creazione di grossi problemi a un Paese fin qui leader dell’industria bovina. Nell’Uttar Pradesh, stato governato anche a livello locale da BJP, la chiusura forzata dei poli conciari con enormi incognite sulla possibilità stessa di sopravvivenza delle imprese. Il governo comincia a fare marcia indietro, ma solo perché scottato da delusioni elettorali.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati