Da 2 fabbriche a WeChat: sgominata in Cina una filiera del falso da oltre 13 milioni di euro. 32 arresti

Importante operazione anticontraffazione da parte della Polizia di Shanghai. Gli agenti del distretto di Qingpu sono riusciti a intercettare un vasto commercio di articoli di lusso falsi griffati Louis Vuitton, Kenzo e Loewe, per un totale di oltre 4.000 accessori sequestrati tra borse, scarpe e abbigliamento. Le indagini, iniziate a fine 2018, dopo la scoperta di una rete commerciale di borse LV fake sul social network WeChat, hanno portato alla chiusura di due fabbriche clandestine. In totale sono finite agli arresti 32 persone, accusate di aver prodotto e venduto circa 100.000 articoli fake per un controvalore di 100 milioni di yuan, pari a 13,1 milioni di euro.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati