Porto Recanati: il famigerato Hotel House usato (anche) come deposito di merce contraffatta

Dopo lunghi appostamenti, le Forze dell’Ordine hanno scoperto che il residence Hotel House di Porto Recanati (Marche, nella foto), era diventato un magazzino di merce contraffatta gestito da due extracomunitari. Il residence, concepito come una gigantesca struttura turistico-alberghiera, oggi è una sorta di “ghetto della criminalità” più volte salito alla ribalta della cronaca nera. L’ultimo blitz della Guardia di Finanza ha portato al sequestro di 11.200 capi contraffatti nascosti in due locali del residence (abiti, scarpe e cinture griffati Prada, Louis Vuitton, Gucci e Hogan). La merce è stata trovata confezionata in vari borsoni e questa circostanza lascia presupporre che i magazzini fossero utilizzati come deposito da una pluralità di venditori abusivi. Inoltre, è stata sequestrata una grande quantità di etichette, bottoni e fibbie riportanti i brand falsi, e un kit contenente aghi, fili, forbici pinze, idonei ad apporre su qualsiasi capo di abbigliamento le etichette. I responsabili, probabilmente avvertiti da un “palo”, si sono dileguati facendo perdere le proprie tracce passando per i sotterranei dell’hotel. (mc)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati