“Quel cartello non la conta giusta”: sequestrate 500 Hogan false

“Quel cartello non la conta giusta”: sequestrate 500 Hogan false

Una promozione esagerata, che proprio non la conta giusta. È uno sconto eccezionale che ha reso possibile l’identificazione di Hogan Interactive false prodotte nelle Marche e vendute in Romagna. Con l’operazione “Comfort Shoes”, le Fiamme Gialle sequestrano 500 paia di scarpe, oltre a materiali e attrezzature utilizzati per la produzione della sneaker tarocco e interrompono il canale di commercio illegale.

Non la conta giusta

C’entra una promozione, dicevamo. In un negozio di Bellaria-Igea Marina è pubblicizzata, con tanto di manifesti affissi all’esterno dell’esercizio, la vendita di calzature Hogan modello Interactive ad un prezzo promozionale di 49,90 euro al paio. L’originale, vale la pena ricordarlo, ne costa 180. Oltre ai clienti, nel negozio entrano anche gli uomini del comando provinciale di Rimini della Guardia di Finanza: sono loro a scoprire che gli articoli in vendita sono fake, denunciando l’esercente per vendita di prodotti contraffatti.

Risalendo la filiera

I finanzieri non si accontentano. Per risalire la filiera, coinvolgono i colleghi di Fermo, che si recano in un’abitazione sita nel comune di Montegiorgio. Sul retro dell’edificio scoprono un attrezzato laboratorio dove avrebbero prodotto proprio le Hogan vendute in Romagna. Secondo quanto riporta il Corriere Adriatico, i finanzieri sequestrano 500 paia di scarpe Hogan contraffatte, accessori, fustelle, materiali, pellami e ciò che è necessario per la fabbricazione delle scarpe. Il responsabile del laboratorio, un cittadino originario di Fermo, è stato denunciato all’autorità giudiziaria per l’illecita condotta rilevata. (mv)

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati