“Schiavi cinesi” in pelletteria a Signa (Firenze)

Un blitz effettuato ieri mattina dalla Guardia di Finanza ha portato al sequestro di due capannoni industriali in via Pistoiese a Signa (Firenze) al cui interno erano stati ricavati abusivamente locali che ospitavano sette laboratori di pelletteria, gestiti da cittadini cinesi, e dormitori per i lavoratori, nascosti dietro a una parete di cartongesso. In totale sono stati trovati oltre 50 lavoratori, dei quali 31 “in nero”, 5 non in regola con il permesso di soggiorno e 20 assunti in modo irregolare. I titolari delle aziende, sette cittadini cinesi, sono stati denunciati e, oltre al provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale, sono state comminate sanzioni amministrative per 143mila euro. Secondo quanto spiegato dalle fiamme gialle, i piccoli locali adibiti a dormitorio erano collegati coi laboratori da piccole aperture ricavate nella parete di cartongesso, che durante il giorno venivano nascoste con pezzi di cartone. (mc)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati