4 novembre 1966: 50 anni fa l’alluvione che sconvolse Firenze e Santa Croce, ma coinvolse anche la pelle veneta. Aiutateci a raccontarla

0

Nella primissima mattina del 4 novembre del 1966 la Toscana veniva svegliata da un evento disastroso che cambiò il destino dell’intero territorio e segnò in modo indelebile la vita della popolazione. Ma anche delle imprese legate alla pelle. Si celebra oggi il 50° anniversario di quella è conosciuta come “La grande alluvione” e la nostra redazione ha deciso di ricordarla attraverso testimonianze e foto d’archivio che raccontano quelle drammatiche pagine di storia dal punto di vista degli imprenditori della pelle. Da parte di coloro che rischiarono di perdere tutto e seppero rialzarsi, ripartire e aiutarsi a vicenda. Sono molte le storie di “straordinaria solidarietà” che scandirono quei giorni: dalle aziende rimaste illese che conciarono i pellami per altri, all’officina Gozzini di Santa Croce che permise di asciugare nei propri forni i motori delle concerie finiti sott’acqua. Anche Firenze, città che l’alluvione colpì in modo violento, fu testimone di grandi prove di solidarietà verso il tessuto industriale. Tra i racconti finora inediti quello del fondo ALFA (American Loans to Florentine Artisans), che diede vita a un sistema di microcredito a favore di 300 aziende artigiane fiorentine, attingendo a risorse rese disponibili da grandi clienti USA. Nel prossimo numero del nostro settimanale dedicheremo un approfondimento alle testimonianze che abbiamo raccolto in Toscana, ma anche in Veneto, dove tra Chiampo, Bassano del Grappa e la Riviera del Brenta, l’alluvione (che da quelle parti ricordano col nome di Aqua Granda) fece consistenti danni. Un evento tragico ed epocale del quale vorremmo, a 50 anni di distanza, costruire un’ampia memoria. Per riuscirci chiediamo il contributo di tutti voi: inviateci immagini e testimonianze attraverso la nostra pagina facebook o scrivendo a info@laconceria.it. Nella foto, concessa dal Comune di Santa Croce sull’Arno, una veduta della zona industriale durante l’alluvione.

Share.

Comments are closed.

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso