Altro opificio cinese abusivo nel Napoletano: 180.000 euro di sanzioni

Aveva allestito nel proprio garage una fabbrica di calzature abusiva. A scoprirlo sono stati i Carabinieri delle stazioni di Varcaturo e di Qualiano con il supporto di colleghi specialisti del Nucleo ispettorato del lavoro di Napoli in via Lago Patria. Il titolare è un cittadino cinese di 36 anni autorizzato per la sola vendita di calzature, che aveva realizzato e messo in opera l’opificio senza alcuna delle autorizzazioni previste e immettendo i fumi derivanti dalle lavorazioni direttamente in atmosfera e gli scarichi nelle fogne, in totale mancanza di rispetto alle normative a tutela dell’ambiente
e delle disposizioni di sicurezza sul lavoro.
Inoltre 4 lavoratori cinesi sono risultati essere in nero, senza alcun contratto.
Il locale di 160 metri quadri è stato sequestrato insieme a 10 macchine e a vari strumenti.
Al 36enne sono state contestate violazioni amministrative per 180.000 euro. (mc)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati