Bangladesh, più export a prezzi bassi

Il Bangladesh è lontano dagli standard produttivi necessari ai brand occidentali, ma il Paese asiatico sta compiendo sforzi per mettersi in linea. Nel frattempo, l’Export Promotion Bureau di Dacca riporta i dati dei primi sette mesi dell’anno fiscale in corso (luglio-gennaio) in cui il fatturato calzaturiero è stato di 349 milioni di dollari, in forte crescita rispetto all’anno precedente. Il Bangladesh Footwear Manufacturers spera che in tre anni il bilancio tocchi il miliardo, ma è conscio che il settore deve raggiungere la produttività di Cina e India se desidera giocare un ruolo nella manifattura mondiale. I principali investitori nel Paese sono le cinesi Pou Chen, Stella International e Golden Change, che usano pelli conciate localmente per Timberland e Wolverine. Il Paese ha un salario orario di 0,44 dollari per un reddito pro capite annuo di 2000 dollari. Nel 2012, gli Usa hanno importato appena 1,4 milioni di paia (+6%) alla media di 19 dollari al paio. L’Europa ne ha acquistate quasi 15 milioni alla media di 11 dollari. (pt)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati