Coronavirus, il Salone del Mobile si farà ma dal 16 al 21 giugno

Coronavirus, il Salone del Mobile si farà ma dal 16 al 21 giugno

Doveva svolgersi dal 21 al 26 aprile 2020. L’emergenza Coronavirus lo fa slittare di due mesi. Il Salone del Mobile si farà ma dal 16 al 21 giugno, avvicinandosi e sovrapponendosi ad altri eventi top della filiera. Per esempio, Pitti Immagine Uomo (a Firenze) e la Fashion Week maschile (a Milano). Mentre altri saloni in Europa (per ora) sono confermati, Camera Buyer Italia segnala che nell’ultimo weekend, a Milano, i consumi di moda hanno subìto una drastica riduzione. Assenti (non solo) i turisti, “domenica scorsa a Milano – dichiara il presidente Francesco Tombolini a MF Fashion – si è stimato un calo fino al 70%: non si ricorda un livello così basso”. E la situazione – continua Tombolini – si sta diffondendo progressivamente in tutta Italia”.

Il Salone del Mobile va a giugno
Il Salone del Mobile, dunque, si svolgerà dal 16 al 21 giugno 2020. Uno slittamento cautelativo, che punta a confermare la centralità e il corretto svolgimento di un evento che l’anno scorso ha portato a Milano oltre 386.000 visitatori provenienti da 181 Paesi. A giugno dovrebbero essere 2.200 gli espositori a Fieramilano Rho. In una nota ufficiale, il Salone del Mobile spiega che “La conferma della manifestazione consente alle imprese, chiamate a un’importante prova di responsabilità, di presentare il proprio lavoro già finalizzato al pubblico internazionale”. Una platea “che attende l’appuntamento annuale con il Salone del Mobile Milano quale punto di riferimento della creatività e del design”.

 

 

Milano Moda Uomo e Pitti
Il fatto che Il Salone del Mobile si farà ma dal 16 al 21 giugno, lo porta ad avvicinarsi e, in parte, sovrapporsi a un altro evento che catalizza l’attenzione fashion a Milano. Cioè, le sfilate della Settimana della Moda maschile dedicate all’estivo 2021 e in calendario dal 20 al 24 giugno. In stretta concomitanza, invece, si terrà Pitti Uomo a Firenze, programmato dal 16 al 19 giugno.

Svolgimento regolare

Sono regolarmente in corso da ieri a Mosca CPM (che chiude domani, 27 febbraio) e il salone Euro Shoes (termina venerdì 28 febbraio). Confermato il salone Première Classe, a Parigi, da venerdì 28 febbraio a lunedì 2 marzo. Così anche due fiere tedesche: ILM (International Leather Goods Fair) a Offenbach dal 29 febbraio al 2 marzo e Gallery Shoes a Düsseldorf dall’8 al 10 marzo.

Conseguenze di filiera
Alcune griffe, per evitare eccessi di stock, stanno rallentando produzione e richieste di fornitura. E, come si legge su alcuni portali toscani, la stessa decisione stanno prendendo clienti della calzatura e della pelletteria. Situazioni che, come scrive cuoioindiretta.it invitano ad “attesa, cautela e prudenza, parole chiave tra i conciatori dell’Associazione di Santa Croce sull’Arno e del Consorzio di Ponte a Egola”. I cui vertici segnalano di non essere per ora “a conoscenza di chiusure previste, neppure temporanee”.

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati