I costi crescono, la domanda no: La Conceria n. 10 è sul Mercato

I costi crescono, la domanda no: La Conceria n. 10 è sul Mercato

L’inflazione è dalla fine del 2020 il tarlo dell’economica globale e della filiera della pelle. A poco meno di quattro anni dallo choc pandemico e a oltre uno dalla stagione rialzista varata da FED e BCE, i costi crescono ancora. E continueranno a farlo, a quanto pare, perché l’attacco di Hamas in territorio israeliano e la conseguente recrudescenza della guerra hanno avuto immediato impatto sui mercati energetici: il petrolio ha segnato il +3% e il gas il +50%. Ma non c’è solo questo a crucciare gli operatori del fashion system: il Mercato rivela più di un problema, ve ne parliamo sul mensile La Conceria n. 10 – 2023.

 

I costi crescono, la domanda no: La Conceria n. 10 è sul MercatoI costi crescono, la domanda no: La Conceria n. 10 è sul Mercato

 

I costi crescono

Per concerie e imprese della pelle i problemi sono due: i costi rimangono un problema, dicevamo, ma di converso dalla domanda non arrivano segnali distensivi. Anzi. L’ultima trimestrale di LVMH è da più parti interpretata come un punto di svolta complessivo: anche il lusso, quello anticiclico che è cresciuto mentre tutti gli altri arretravano, è destinato a rallentare. Mentre il flop di Birkenstock in Borsa, che dopo l’IPO al -11% ha chiuso il secondo giorno di quotazione al -4%, lascia intendere che i mercati non sono più interessati a investire in ottimi prodotti enfatizzati da sagaci strategie di marketing e posizionamento. Il trend dalla finanza si riflette sulla manifattura e in Toscana si vedono le prime avvisaglie. Di questo e altro parliamo su La Conceria n. 10.

Clicca qui per sfogliare il sommario

Il mensile La Conceria è per abbonati: scopri le formule di sottoscrizione

 

Foto da Shutterstock

 

 

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×