Il governo cambogiano agli allevatori: “Non vendete subito i coccodrilli!”

Il primo “invito” risale al 2005, quando in Cambogia il governo lanciò un appello ai suoi allevatori di coccodrilli affinchè evitassero di venderli quasi appena nati, portandoli all’età adulta e sviluppando anche l’attività di macellazine e recupero dei pellami grezzi. Dopo quasi dieci anni, però, nulla è cambiato, il Governo di Phnom Penh continua a sollecitare un cambiamento di strategia, ma gli allevatori non riescono a sviluppare la loro attività, non avendo sufficienti risorse finanziarie, organizzative e tecniche. A dirlo è il presidente della Crocodile Development Division of the Fisheries and Administration, Heng Sovonnara. “I baby-coccodrilli sono esportati in Tailandia e Vietnam perché vengano fatti crescere sino all’età di almeno tre anni quando le pelli possono essere lucrose, mentre gli allevatori cambogiani si accontentano dei 12-14 dollari a capo del mercato perché hanno necessità di liquidi, anche se pochi, che gli permettano di sopravvivere”. (pt)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati