Cina: l’e-commerce frenerà, forse…

iResearch, società specializzata nello studio dell’andamento del commercio on line in Cina, ha prospettato che entro i prossimi tre anni il settore subirà una sensibile frenata, causa il raggiungimento “del suo pieno sviluppo” in tutto il Paese. A Pechino l’e-commerce ha raggiunto il valore astronomico di 211 miliardi di euro nel 2013; nel 2014 dovrebbe raggiungere i 281 miliardi di euro per arrivare, nel 2017, a quota 481 miliardi. Ma l’incredible ricchezza di queste cifre nasconde un “bug” percentuale: il tasso di crescita annuo, infatti, è dato in calo tendenziale: +32,4% nel 2014, +23,3% nel 2015, per arrivare al “solo” +15% nel 2017. Una situazione che gli analisti archiviano alla voce “saturazione” ma che non sembra generare particolari apprensioni negli addetti ai lavori, come i portali Taobao e Tmail (entrambi di proprietà del colosso Alibaba Group), per quali accessori moda e articoli in pelle valgono circa il 30% del fatturato complessivo. (ap)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati