A Berlino che fiera è? Premium e gli altri saloni: feedback positivi

Gli esporitori commentano l'andamento delle fiere di Berlino

Oggi va in scena la giornata centrale dei saloni berlinesi che chiuderanno i battenti domani. I primi feedback che arrivano dagli espositori sono piuttosto positivi, tenendo conto che vengono presentati i prodotti della stagione estiva, ritenuta meno strategica (anche in termini di fatturato) rispetto a quella invernale.

Com’è andata ieri
“È la prima fiera moda stagionale del mercato tedesco dove l’offerta prevalente è quella dell’abbigliamento e degli accessori destinati alle donne” spiegano dallo stand del brand Barracuda. “L’affluenza non manca e l’ambiente è positivo. Nella prima giornata abbiamo ricevuto qualche ordine per le sneaker da donna”.

Come sta andando oggi
Per Stefano Cappelletti (Calzaturificio Cappelletti) che espone a Premium Berlin (è uno dei pochi italiani ancora presenti) la giornata di ieri è stata buona: “C’è stato un discreto passaggio e anche stamattina i visitatori ci sono. Se acquistano? Molti compratori hanno budget più ridotti per la stagione estiva e un prezzo medio di vendita in vetrina decisamente più basso rispetto al prodotto invernale. Certamente la nostra strategia non è essere competitivi sul prezzo, ma su un prodotto che rispecchia la nostra identità e che si distingue perché realizzato con lavorazioni artigianali, frutto di oltre 60 anni di attività, con applicazioni manuali di elementi decorativi, con personalizzazioni e customizzazioni”.

Il fattore estivo
“Quella estiva – ribadisce Cappelletti  – è una stagione sempre più ridotta nei tempi e per la quale i prodotti molto veloci ed economici hanno il sopravvento: chi punta sulle calzature di qualità di fascia alta trova meno spazio”.

La scarpa che piace
Il cliente che visita Premium Berlin è in prevalenza tedesco o proviene da Olanda, Benelux, Danimarca, Austria. Che tipo di scarpa chiede? “L’uomo desidera un prodotto basic, la sneaker troppo fashion ancora non viene metabolizza” ci risponde Cappelletti. “La donna è diversa. Osa più nei volumi, nelle forme di sneaker e sandali. È attirata dai colori fluo, dalle stampe animalier e dai bicolor”. (mv)

Nella foto, lo stand Cappelletti a Premium Berlin

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati