A Pitti Uomo la sneakermania rallenta: entra in gioco una scarpa classica, rock e “ibrida”

“La sneakermania è in fase calante. La ricerca è meno sfrenata rispetto agli anni scorsi e noto che anche i brand hanno meno ansia nel dover realizzare modelli best seller. Vedo, invece, un maggior interesse verso la scarpa formale”. Ad affermarlo a Firenze, durante Pitti Uomo 95 (che si conclude domani) è Filippo Cirulli, noto influencer e co-fondatore del brand Edhèn Milano. Alla Fortezza da Basso, la rinascita della scarpa formale è stata confermata da altri produttori e, complessivamente, l’offerta di questa tipologia di prodotto è aumentata rispetto alle scorse edizioni. L’ispirazione generale dei modelli formali esposti è quella rock o biker, con una palette di colori dal grigio al nero e con accessori tipo borchie, maglie di acciaio e fibbie. Tutto ciò senza ridurre il comfort e la leggerezza che sono le caratteristiche principali dei prodotti, anche del lusso e superlusso. Si cerca di abbattere il confine tra formale e informale anche con modelli ibridi, classici nell’aspetto e nella tomaia, ma con fondi “sportivi” in gomma. Calzature colorate, grintose, che vanno in due direzioni: la prima privilegia il maxivolume del fondo come fosse “una scarpa da astronauta”, la seconda è retrò e attinge a modelli anni ’80 e ’90. Anche le borse e gli zaini sono comodi, leggeri e multitasking per essere in grado di trasportare i vari device elettronici. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati