Fiere dal mondo: Kiev e Gallery Shoes non confortano la scarpa italiana. Bene Mipel a Seoul, trepidazione per Futurmoda

Tra poche ore si chiude a Kiev la manifestazione La moda italiana@Kiev aperta ieri. I commenti degli espositori non possono essere certo definiti all’insegna dell’entusiasmo. “Leggermente sotto le aspettative. Molti clienti preferiscono temporeggiare in attesa delle elezioni – ci ha detto Gabriele Brotini del brand Pakerson –. Nonostante la situazione generale non sia stabile, ci conforta il lieve ottimismo”. Manifesta minore fiducia Enrico Barbato di Accademia: “Più che fiera, la definirei missione commerciale per cui le vendite non sono mai abbondanti. In più, la situazione di mercato rimane molto pesante”.
Germania così e così
A Düsseldorf va in archivio un’edizione di Gallery Shoes che risente di un mercato tedesco poco performante. “Ci sono quasi esclusivamente tedeschi e con contenuta volontà di acquistare” è la sintesi di Moreno Torresi di Alba Moda. Ma c’è una parte della clientela più effervescente: “Sono quelli che stanno cercando di dare un’immagine diversa al negozio – ci ha riferito Samuele Camerlengo di Lorenzi –, puntando su marchi meno conosciuti, prodotti di qualità. E hanno comprato più degli altri”.
Dalla Corea
A Seoul si è chiuso il primo giorno di Mipel Leathergoods Showroom. Per Francesco Palandrani di Gemini 77 l’iniziativa è “interessante, grazie alla presenza di un buon numero di visitatori“.
Tutti in Spagna
Domani partirà con il record di partecipanti Futurmoda. Il salone, che si svolgerà per due giorni alla struttura fieristica IFA di Alicante, ha registrato un aumento del 10% del numero degli espositori che, per la prima volta, superano quota 400. Parteciperanno aziende della filiera della pelle, dei tessuti, dei componenti per calzature, macchinari e altre industrie collegate, che costituiscono la base dell’attività manifatturiera di calzature e articoli in pelle. Futurmoda propone anche un programma di attività con conferenze sulla connettività internazionale, marketing digitale, industria 4.0, comfort ed altro. L’associazione spagnola di componenti per calzature (AEC) prevede la conferma dell’afflusso di visitatori delle precedenti edizioni. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati