L’europarlamentare Bonafè: “Bruxelles deve imporre la reciprocità”

La visita effettuata stamane a Lineapelle da Simona Bonafè, europarlamentare del Partito Democratico con un passato decennale da assessore in un Comune strategico per l’area pelle come quello di Scandicci (Firenze), è stata l’occasione per discutere con i conciatori sul ruolo dell’Europa e su alcune scelte sbagliate da parte di Bruxelles, a cominciare dalle agevolazioni concesse (tramite le preferenze generalizzate) a Paesi che per contro impongono limiti e divieti all’export di grezzo e semilavorato. “Bisogna – ha detto Bonafè – lavorare per la reciprocità. Non è pensabile che il mercato europeo sia aperto senza imporre le stesse condizioni a Paesi esportatori, che peraltro in molti casi non rispettano l’ambiente né la dignità dei lavoratori. La conceria italiana invece dimostra che si può creare sviluppo secondo criteri ambientali e sociali”. Su Lineapelle ha espresso così il proprio apprezzamento: “Una fiera molto bella, che ci rende orgogliosi della nostra leadership mondiale nell’ambito delle pelli e della moda. Qui c’è tutto il mondo”. Infine, Bonafè rilancia la sfida per l’obbligatorietà del marchio di origine: “Vinceremo la battaglia sul made in, necessaria per valorizzare le nostre produzioni di eccellenza. Porteremo a casa il risultato entro la fine del mandato di presidenza italiana del Consiglio europeo. (ag)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati