ZDHC a Lineapelle95 presenta i suoi numeri e annuncia novità per la chimica conciaria

I brand coinvolti sono 24. Le imprese manifatturiere sono 1.875: quella cinese è la nazionalità più rappresentata (26%), seguita dalla bengalese (13%), turca (10%) e indiana (8%). L’Italia è il primo Paese europeo, con una quota del 6%. I formulatori sono circa 550, per oltre 13.000 prodotto registrati. ZDHC, il progetto per la riduzione, e poi l’eliminazione, dell’impiego di sostanze chimiche pericolose nella filiera industriale della moda, ha presentato a Lineapelle95 i suoi numeri. I risultati sono relativi all’effetto del coinvolgimento a livello globale delle imprese delle filiere tessile, nella quale il programma “Zero Discharge of Hazardous Chemicals” è presente da più tempo, e in quella della pelle, dove invece si sta strutturando e conta già sull’adesione di UNIC – Concerie Italiane, l’istituto di certificazione di riferimento dell’area pelle ICEC e SSIP, la Stazione Sperimentale delle Pelli e delle Materie Concianti. ZDHC offre un approccio olistico, cioè teso ad affrontare in maniera completa e complessiva il tema dell’implementazione di una chimica sostenibile per il fashion system, e offre alle aziende dell’intera filiera servizi di database, validazione e comparazione delle informazioni su scala internazionale. A proposito di concia e di chimica conciaria, ZDHC sta espandendo in tutto il mondo la propria rete di laboratori di riferimento di analisi chimiche, con nuove strutture anche in Italia.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati