Formazione, il caso toscano di Modartech: l’86% dei diplomati trova lavoro in 6 mesi, aziende in cerca del “saper fare”

Lo sviluppo della moda made in Italy passa dalla formazione. Lo conferma il proliferare di iniziative mirate alla crescita professionale organizzate degli stessi brand e holding del lusso (LVHM, Gucci, Zanotti). Ad avvalorare la necessità di nuove risorse di personale nell’industria del fashion, arriva anche un caso toscano. È quello dell’istituto Modartech di Pontedera (Pisa) e dei suoi diplomati che, all’86% trovano un inserimento professionale entro 6 mesi dal termine del ciclo di studi. Le figure più richieste? Fashion designer, graphic designer, ma anche modellisti e figurinisti. “Viene valorizzata sempre più dalle aziende l’importanza del saper fare, per una professione che sia in grado di abbinare cultura, tecnica e creatività”, sottolinea Alessandro Bertini, direttore di Modartech. La scuola si avvale di una serie di collaborazioni con le griffe (Giorgio Armani, Diesel, Fendi, Liu Jo, Gucci, Max Mara, Ferragamo, Bulgari, Valentino, Marina Rinaldi, Cafè Noir, Monnalisa) realizzando, già durante il percorso di studi, progetti didattici e stage che permettono un primo contatto con il mondo del lavoro.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati