I lavori di Amici per la Pelle e la sinergia tra scuola e conceria: mostra/evento ieri sera a Robecchetto con Induno

Il presente di un territorio conciario e (soprattutto) il suo futuro. Si è svolto ieri a Robecchetto con Induno, un evento dall’obiettivo preciso: coinvolgere il tessuto sociale di una zona produttiva che nel DNA ha sempre avuto la pelle, per valorizzarne l’attuale approccio industriale di altissimo livello. E non solo, perchè il tutto è stato costruito attorno a una particolare idea di futuro, quella legata al concorso Amici per la Pelle. Ecco, dunque, che ieri, presso la nuova biblioteca Comunale Alda Merini di Robecchetto è stata, prima di tutto, inaugurata l’esposizione di tutti i lavori in pelle realizzati dagli alunni della scuola secondaria di primo grado dell’Istituto Comprensivo Don Milani dal 2015 a oggi per il concorso organizzato da UNIC – Concerie Italiane e premiato ogni anno a Lineapelle. E proprio UNIC e Lineapelle hanno patrocinato il dibattito successivo all’apertura della mostra, dal titolo “Sinergie tra scuola e realtà lavorative del nostro territorio” a cui sono intervenuti Fulvia Bacchi (direttore UNIC e ad di Lineapelle), Enrica Miramonti (conceria Gaiera Giovanni), Andrea Pontani (direttore Confindustria Alto Milanese) e Maria Merola (dirigente scolastico IIS Torno). Sul tavolo la necessità di una formazione che nasce da una condivisione della cultura della pelle che inizia sui banchi di scuola.

 

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati