Innovazione: a Pisa studiano come stampare sistemi anticontraffazione sulla pelle, la IAAF punta alle solette intelligenti

Dispositivi elettronici stampati sul pellame. Solette intelligenti per stabilire irregolarità nelle gare di marcia. La pelle e, più in generale, la filiera di fornitura dell’industria dell’accessorio spinge sull’innovazione per aprirsi nuovi orizzonti di sviluppo e crescita.

Caso numero 1: la pelle
Nel laboratorio Printable Electronics del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Pisa, coordinato da Gianluca Fiori, docente di Elettronica, si lavora per realizzare sistemi elettronici su supporti flessibili come carta e pelli. “Se riuscissimo a stamparli sul pellame potremmo realizzare sistemi anticontraffazione sofisticati applicati a prodotti di lusso” ha affermato il docente a StampToscana. Secondo lo stesso Fiori gli studi compiuti dal laboratorio rappresentano una grande occasione, soprattutto per le aziende che operano nel settore carta e pelli, per innovare i propri prodotti.

Caso numero 2: la soletta
E alle solette smart delle scarpe si affida IAAF, l’Associazione Internazionale delle Federazioni di Atletica Leggera, per smascherare le irregolarità degli atleti. Secondo il CorSera, dalla stagione 2020 saranno sperimentate le solette con sensore integrato che permetteranno, per esempio di verificare se l’atleta marcia correttamente. Una sorta di Var della marcia che, a fine 2016, si diceva dovesse entrare in vigore per i Campionati Mondiali del 2019. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati