Capri Holdings dà i numeri: trimestre stabile, scivola Kors, molto bene Jimmy Choo. Alzate le stime annuali

Stime superate e nuove previsioni di crescita grazie a Versace. L’acquisizione della griffe italiana – costata 2 miliardi di dollari – sembra portare i primi vantaggi a Capri Holdings, che ha chiuso il terzo trimestre con ricavi stabili a 1,44 miliardi di dollari. Se da un lato il brand Michael Kors ha registrato una leggera flessione, pari all’1% (giro d’affari: 838 milioni di dollari) e una più significativa dell’8% nel wholesale (394,9 milioni), dall’altro Jimmy Choo mostra numeri molto positivi. Il brand calzaturiero ha, infatti, generato un fatturato pari a 161,6 milioni di dollari che si traduce in un aumento del 5% rispetto a quello di un anno fa, con un utile operativo che ha toccato i 5,5 milioni di dollari. I risultati, positivi e negativi, che si rifletteranno anche nell’ultimo quarto, sono inevitabilmente collegati al riassetto conseguente all’importante acquisizione operata dalla holding che ha innalzato la previsione di fatturato per il 2019 portandola a 5,22 miliardi di dollari, 9 milioni in più rispetto alla precedente previsione, con un contributo di Versace pari a circa 130 milioni.

 

 

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati