Dopo Chanel, LVMH e Yves Saint Laurent: a Parigi le griffe si sfidano a colpi di museo (e milioni di euro)

Sfida a colpi di museo tra le maison francesi. Dopo l’annuncio di Chanel, che stanzierà 5,7 milioni di euro per trasformare Palais Galliera di Parigi nelle sede del museo permanente della moda, LVMH ha deciso di ristrutturare l’ex Museo delle Arti e Tradizioni Popolari situato nel quartiere Boulogne. Situato vicino alla Fondazione Vuitton per l’Arte Contemporanea, il Museo, chiuso dal 2005, diventerà uno spazio dedicato ai mestieri dell’arte e dell’artigianato, ospitando mostre ed eventi. L’investimento è a dir poco faraonico: 158 milioni di euro. LVMH e il comune di Parigi, proprietario dell’immobile, hanno siglato “una convenzione di occupazione di dominio pubblico” della durata di 50 anni. La multinazionale pagherà un affitto annuo di 150.000 euro più una quota variabile calcolata in base ai profitti della struttura. Yves Saint Laurent ha invece svelato le date di apertura dei musei di Parigi e Marrakech: rispettivamente il 3 e il 16 ottobre 2017. Le due strutture sono dedicate ai quarant’anni di produzione dello stilista scomparso nel 2002. A Parigi il museo si troverà al civico 5 Avenue Marceau, dove hanno sede gli uffici storici della griffe e la Fondation Pierre Bergé-Yves Saint Laurent che ha a disposizione 5.000 abiti couture, 15 mila accessori, oltre a disegni, foto e altro materiale. A Marrakech il museo sorgerà in rue Yves Saint Laurent. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati