Il nuovo lusso dei Millennials in Cina

Cina, ai Millennials Hermès non basta più: ecco che lusso vogliono

Andare oltre i “soliti” marchi del lusso. È quello che starebbe accadendo oggi tra i Millennials cinesi. In pratica: trovare alternative più di nicchia e più attuali rispetto alle griffe preferite dalla generazione precedente, quella dei loro genitori. Quali? Secondo Jing Daily (autorevole portale cinese specializzato in luxury trend) queste quattro: Moynat, Goyard, Delvaux e Valextra.

L’aggettivo Hermès
Il portale cinese spiega che il punto di riferimento del lusso, a Pechino, è Hermès. Brand che non è più solo uno status symbol. È diventato una sorta di “definizione”. Secondo Jing Daily, infatti, la griffe è diventata un aggettivo per definire l’identità top di qualsiasi prodotto:  “Questo è l’Hermès dei dentifrici o degli asciugacapelli, ecc.”. Ne deriva che, agli occhi dei Millennials, la griffe, pur mantenendo un appeal di altissimo valore, non è più così esclusiva. “Quindi i giovani cercano alternative per affermare il loro status di lusso a un livello superiore”.

Quattro esempi
Tra i più ricercati c’è lo storico marchio francese Moynat che realizza dalla Cina circa il 25% delle sue entrate. In un’intervista alla testata cinese LadyMax, il suo CEO, Guillaume Davin, ha detto che l’età media dei clienti cinesi è di 25 anni: in Europa è di 40. Poi c’è Goyard, apprezzato anche perché i suoi prodotti non sono così facilmente reperibili. “Oltre a questi ultimi – scrive Jing Daily – ci sono il marchio belga Delvaux e quello italiano Valextra”. Sono loro, in Cina, a essere citati nelle conversazioni (social e non solo) in cui si parla di “alternative a Hermès”. Una cosa è certa: sempre più consumatori cinesi di lusso cercano etichette di nicchia per dimostrare “il loro gusto da intenditori”. (mv)

Immagine Shutterstock

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati