Coach getta la maschera: l’acquisto di Kate Spade sarebbe vicino. I brand: “No comment”, ma non smentiscono. Sul piatto 2 miliardi di dollari

Chi tace, di solito, acconsente. Se il luogo comune ha una base di solida verità, a quanto scrive l’autorevole Business of Fashion sul suo portale al passaggio di Kate Spade sotto il controllo di Coach mancherebbe solo “la firma”. “Secondo fonti interne a entrambi i brand – scrive BoF -, l’acquisizione dovrebbe essere annunciato nel giro di pochissime settimane. Anzi: addirittura di pochi giorni”. Coach, dunque, avrebbe gettato la maschera e, dopo aver acquisito il lusso calzaturiero griffato Stuart Weitzman, aver annunciato (lo scorso dicembre) di “essere pronto per diventare un gruppo dell’accessorio e non solo un brand noto in tutto il mondo” e aver accarezzato l’idea di mettere le mani su Burberry, Diane von Furstenberg e Rebecca Minkoff, starebbe per finalizzare un’operazione da “almeno 2 miliardi di dollari”, dicono gli analisti finanziari. Alla richiesta di un commento di BoF, Coach ha risposto con la laconica dichiarazione di un suo portavoce: “Non siamo abituati a commentare rumors e speculazioni”, mentre da Kate Spade si trincerano dietro il più consueto dei “no comment”. Secondo BoF, l’acquisizione porterà a “allo sviluppo di una necessaria sinergia tra i due brand nell’approvvigionamento di pellami”. Spade ha chiuso il 2016 a quota 1,4 miliardi di fatturato, mentre Coach ha messo a bilancio un giro d’affari di 4,5 miliardi di dollari.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati