Ebbene sì: Vuitton punta a una fabbrica negli USA, ammette l’ad Michael Burke. Ma anche a un “ampliamento in Francia e Portogallo”

0

Michael Burke (nella foto), amministratore delegato di Louis Vuitton, ha confermato all’agenzia Bloomberg che la griffe “sta negoziando” con le amministrazioni di North Carolina e Texas l’apertura di una fabbrica nei loro confini, ma si è rifiutato di offrire dettagli. Burke, però, ha affermato che la struttura produttiva europea di LV potrebbe ampliarsi, avviando una nuova fabbrica in Francia e prevedendo “nuove infrastrutture in Portogallo”. Era stato Bernauld Arnault, deus ex machina di LVMH, a suggerire, durante l’incontro che ebbe con il neopresidente USA Donald Trump (lo scorso 9 gennaio), che la griffe francese ipotizzasse l’avvio di una fabbrica statunitense, alla luce anche delle misure protezioniste ventilate dalla casa Bianca. (pt)

Share.

Comments are closed.

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso