Ferragamo: gli asiatici comprano meno in patria e più in Europa

La flessione dei consumi registrata in Asia nel terzo trimestre del 2012 si è verificataperché gli asiatici hanno comprato in Europa”. Lo afferma Michele Norsa, a.d. Salvatore Ferragamo (nella foto), intervenendo al Milano Fashion Global Summit di Firenze. ”I mercati sono soggetti a una grande volatilità, bisogna tenere i nervi saldi e prevedere giorno per giorno”.
 

Nessuna previsione sull’andamento dei consumi 2013 nel più popoloso continente mondiale. “Il 2012 ha avuto un andamento eccellente e a questo si aggiunge il flusso dei consumatori asiatici in giro per il mondo, soprattutto in Europa. Dobbiamo imparare a gestire questi flussi e ad attrarli come Paese”.
 Per quanto riguarda gli altri mercati, oggetto del summit di Firenze, Norsa sostiene: “Gli Usa sono al primo posto, il Giappone al secondo e il Brasile al terzo: per il Brasile serve un percorso più lungo, sia perché deve ancora svilupparsi sia per la questione dei dazi doganali”.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×