Incontro UNIC a Santa Croce. Il futuro del lusso? “Tornare alla centralità del prodotto”, spiega Stefania Saviolo (SDA Bocconi)

Il mercato del lusso è saturo in ogni settore. Lo sviluppo del retail è in rallentamento. I grandi conglomerati gestiscono i propri marchi cercando di riposizionarli in modo strategico, continuamente alla ricerca di nuove forme di comunicazione per dimostrare il proprio valore. Questi alcuni dei temi affrontati ieri (4 aprile) nell’incontro organizzato da UNIC presso la propria sede di Santa Croce sull’Arno. Relatore: Stefania Saviolo, docente di Strategia d’Impresa all’Università Bocconi e Responsabile del Luxury & Fashion Knowledge Center presso lo SDA dell’ente medesimo. “Dopo tanti anni in cui l’attenzione era rivolta al retail, ai negozi e alla comunicazione – spiega la docente -, oggi il prodotto diventa di nuovo e, fortunatamente, il grande attore”. Questo può significare una svolta positiva per i fornitori e per tutta la filiera pelle, rappresentando un tassello fondamentale nella costituzione del prodotto finale. Inoltre, “la pelle è un tema di grande interesse” nell’ambito dell’“ingredient branding”, nuovo modo di dare valore al marchio attraverso i suoi ingredienti. “Il valore è espresso dai contenuti, è già successo nel tessile e tanto più nella pelle dove la materia prima conta così tanto sul prodotto finito” offrendo al futuro uno strumento di “importante differenziazione, di aggiunta di qualità e anche di innovazione stilistica”.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati