Per Kering non era più strategico, per Authentic Brands Groups sì: il marchio Volcom passa di mano

Una storia scritta. Da una parte Kering, che vuole concentrarsi sul segmento luxury, e dopo aver ceduto Puma, Stella McCartney e Christopher Kane, aveva messo sul mercato anche Volcom, marchio specializzato in skate, surf e neve acquistato nel 2001 . Dall’altra parte Authentic Brands Groups, che vuole espandersi e aumentare il suo portafoglio composto da 50 marchi tra cui Juicy Couture, Aéropostale e Neil Lane, e quelli arrivati nel 2018 come Hervé Léger, Nautica, Nine West, Brandolino e Camuto. Con l’acquisizione di Volcom, effettiva dal primo aprile avvenuta attraverso la controllata Liberated Brands, ABG prevede di raggiungere un fatturato di 9,3 miliardi di dollari grazie ad una rete distributiva formata da un centinaio di negozi in sessanta paesi e una quota export del 45%. Gli ultimi dati a disposizione di Volcom sono del 2017: fatturato di 230 milioni di euro, in calo del 3,2% a cambi costanti e risultato operativo in equilibrio. “L’attuale management team di Volcom, che ne mantiene la licenza operativa, continuerà lo sviluppo delle sue operazioni in Stati Uniti, Francia, Australia e Giappone. Authentic Brands Group ha invece acquisito la proprietà intellettuale” dice Kering in una nota. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati