PPR cambia nome?

PPR si accinge a cambiare nome per la quinta volta da quando è entrata nel listino della borsa di Parigi, nel 1988. Conosciuta prima come Pinault-Preintemps and Pinault SA, poi come Pinault-Printemps-Redoute, PPR sembra abbia scelto il nome Kering, che negli obiettivi di maketing dovrebbe evocare i concetti di Caring (aver cura) e Signal (segnale), ma che tradotto dall’indonesiano significa anche “asciutto”. PPR vale oggi quasi 22 miliardi di euro e nel solo 2013 ha visto le quotazioni crescere del 23% in virtù degli obiettivi aziendali del suo grande capo, Francois-Henry Pinault: raggiungere vendite per 24 miliardi di euro nel 2020 a fronte dei 9.7 ottenuti l’anno scorso. La strategia è quella di rafforzare l’offerta del lusso, che nei mercati odierno possiede i margini più ampi di guadagno ed espansione. Per questo Pinault prevede anche di disfarsi della catena di elettrodomestici Fnac e del commercio online Le Redoute. Il nome Kering è stato già registrato nell’ufficio marchi di Washington e un annuncio potrebbe essere dato entro la fine del mese, sebbene l’ufficio pubbliche relazioni di Parigi si sia rifiutato di commentare. PPR è soprattutto casa madre di brand come Gucci, Bottega Veneta, Puma e Volcom. Quest’ultima, specializzata in abbigliamento sportivo per la neve, ha da poco lanciato la prima collezione di calzatura casual. (p.t.)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati